Browsing "Senza categoria"
Mag 22, 2019 - Senza categoria    No Comments

H. 15.17 TO PARIS – ATTACCO AL TRENO – CLINT EASTWOOD

ATTACCO AL TRENO

Preghiera Semplice
San Francesco d’Assisi

Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace:

dove è odio, fa ch’io porti amore,
dove è offesa, ch’io porti il perdono,
dove è discordia, ch’io porti la fede,
dove è l’errore, ch’io porti la Verità,
dove è la disperazione, ch’io porti la speranza.

Dove è tristezza, ch’io porti la gioia,
dove sono le tenebre, ch’io porti la luce.

Oh! Maestro, fa che io non cerchi tanto:
Ad essere compreso, quanto a comprendere.
Ad essere amato, quanto ad amare
Poichè:

Se è: Dando, che si riceve:
Perdonando che si è perdonati;
Morendo che si risuscita a Vita Eterna.

Amen.

La preghiera che ogni sera Spencer Stone recitava da bambino con convincimento, mi auguro ancora oggi.

Chi é Spencer Stone?

Un semplice ragazzo di Sacramento che nel momento giusto, e non solo in quello, ha messo in pratica gli insegnamenti cristiani che lo accompagnano da sempre e nei quali ha sempre creduto. Valori puri, integri, cristiani appunto.  Quei valori che troppo facilmente, oggi, si dimenticano, si allontanano, si confondono con la parola conservatorismo o bigottismo. C’é una bella differenza tra cattolicesimo e cristianesimo.

Il bene vince sul male. E ‘così che deve essere, puro e semplice, senza ma e senza se e senza offendere quei valori onesti e virtuosi che ci rendono Uomini e Donne per niente codardi difronte al male. Io credo che l’istinto di intervenire in difesa di qualcun’altro oltre che verso se stessi sia parte della natura umana.

Spencer Stone, Alek Skarlatos, Anthony Sadler e le altre tre persone intervenute hanno meritato la medaglia della Legione d’Onore. I cow boys del 2000 hanno rispettato in pieno i cow boys tanto cari a Cleant per onestà, cristianità, semplicità di valori.

Eroi per caso, di un fato irriverente che li ha messi sul treno giusto al momento giusto.

Mar 2, 2019 - Senza categoria    No Comments

MARZO DI GIANNI RODARI

Luna sorgente

                                               

Marzo pazzo e cuorcontento
                                                            si sveglia un mattino pieno di vento:
                                                              la prima rondine arriva stasera
                                                              con l’espresso della primavera.

Feb 8, 2019 - Senza categoria    No Comments

Abbi cura di me – di Simone Cristicchi

Una poesia da tenere in tasca…da leggere ogni tanto.

Ci ricorda di vivere,

non solo di respirare….

“Adesso chiudi dolcemente gli occhi e stammi ad ascoltare
Sono solo quattro accordi ed un pugno di parole
Più che perle di saggezza sono sassi di miniera
Che ho scavato a fondo a mani nude in una vita intera
Non cercare un senso a tutto perché tutto ha senso
Anche in un chicco di grano si nasconde l’universo
Perché la natura è un libro di parole misteriose
Dove niente è più grande delle piccole cose
È il fiore tra l’asfalto lo spettacolo del firmamento
È l’orchestra delle foglie che vibrano al vento
È la legna che brucia che scalda e torna cenere
La vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere
Perché tutto è un miracolo tutto quello che vedi
E non esiste un altro giorno che sia uguale a ieri
Tu allora vivilo adesso come se fosse l’ultimo
E dai valore ad ogni singolo attimo
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrò paura di cadere
Che siamo in equilibrio
Sulla parola insieme
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Il tempo ti cambia fuori, l’amore ti cambia dentro
Basta mettersi al fianco invece di stare al centro
L’amore è l’unica strada, è l’unico motore
È la scintilla divina che custodisci nel cuore
Tu non cercare la felicità semmai proteggila
È solo luce che brilla sull’altra faccia di una lacrima
È una manciata di semi che lasci alle spalle
Come crisalidi che diventeranno farfalle
Ognuno combatte la propria battaglia
Tu arrenditi a tutto, non giudicare chi sbaglia
Perdona chi ti ha ferito, abbraccialo adesso
Perché l’impresa più grande è perdonare se stesso
Attraversa il tuo dolore arrivaci fino in fondo
Anche se sarà pesante come sollevare il mondo
E ti accorgerai che il tunnel è soltanto un ponte
E ti basta solo un passo per andare oltre
Ti immagini se cominciassimo a volare
Tra le montagne e il mare
Dimmi dove vorresti andare
Abbracciami se avrai paura di cadere
Che nonostante tutto
Noi siamo ancora insieme
Abbi cura di me qualunque strada sceglierai, amore
Abbi cura di me
Abbi cura di me
Che tutto è così fragile
Adesso apri lentamente gli occhi e stammi vicino
Perché mi trema la voce come se fossi un bambino
Ma fino all’ultimo giorno in cui potrò respirare
Tu stringimi forte e non lasciarmi andare.
Abbi cura di me.”

Pagine:1234567»