Browsing "musica"
Lug 29, 2017 - musica    No Comments

MANTOVA 28 LUGLIO 2017 – STING

FRAGILE
If blood will flow when flesh and steel are one
Drying in the color of the evening sun
Tomorrow’s rain will wash the stains away
But something in our minds will always stay
Perhaps this final act was meant
To clinch a lifetime’s argument
That nothing comes from violence and nothing ever could
For all those born beneath an angry star
Lest we forget how fragile we are
On and on the rain will fall
Like tears from a star
Like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are
How fragile we are
On and on the rain will fall
Like tears from a star
Like tears from a star
On and on the rain will say
How fragile we are
How fragile we are
How fragile we are
How fragile we are
https://www.youtube.com/watch?v=EmDQFWNjHpA
Lug 2, 2017 - musica    No Comments

Cuore

13934926_1823803304517235_5056280846024424382_n

“ E ho guardato dentro un’emozione

e ci ho visto dentro tanto amore

che ho capito perché non si comanda al cuore “

Senza parole – Vasco Rossi

Feb 21, 2017 - musica    No Comments

E. GRIEG & F. CHOPIN – TEATRO BIBIENA -MANTOVA

La fuga per eccellenza,

immense ed interminabili scalinate

in marmo bianco si snodano sopra di me,

salgo impetuosamente,

la cima mi attende,

passione,

curiosità,

sentimento,

amore,

impeto,

forza,

coraggio,

determinazione,

salita

faticosa,

vorticosa,

inebriante,

il bianco ed il nero,

i tasti della vita,

sempre in movimento

a creare melodie stupende,

infinite ed indimenticabili.

Grazie Chopin

************************************************************

Archi

ad accompagnarti tra boschi incantati,

corse infinite tra le fronde,

i prati verdi e le vallate vellutate di smeraldo,

cavalcate gioiose e felici al sole di primavera,

danze spensierate di cervi e libellule,

scoiattoli e marmotte giocano al chiarore lunare,

e la volpe corre, corre, corre

fino alla sua tana e lì,

lì trova il giusto riposo,

mentre il silenzio cala lento e confortante.

Feb 11, 2017 - musica    No Comments

Il Conforto

” L’abbraccio é il caldo conforto che rende i pensieri vivi “

IL CONFORTO

( Tiziano Ferro e Carmen Consoli )

Se questa città non dorme
Allora siamo in due

Per non farti scappare
Chiusi la porta e consegnai la chiave a te

Adesso sono certa della differenza tra
Prossimità e vicinanza

Eh, è il modo in cui ti muovi
In una tenda in questo mio deserto

Sarà che piove da luglio
Il mondo che esplode in pianto

Sarà che non esci da mesi
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto

Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio
E occhi bendati, su un cielo girato di spalle
La pazienza, casa nostra, il contatto, il tuo conforto
Ha a che fare con me
È qualcosa che ha a che fare con me

Se questa città confonde
Allora siete in due

Per non farmi scappare
Mi chiuse gli occhi e consegnò la chiave a te

Adesso sono certo
Della differenza tra distanza e lontananza

Sarà che piove da luglio
Il mondo che esplode in pianto

Sarà che non esci da mesi
Sei stanco e hai finito i sorrisi soltanto

Per pesare il cuore con entrambe le mani
Ci vuole coraggio
E occhi bendati su un cielo girato di spalle
La pazienza a casa nostra il coraggio il tuo conforto
Ha a che fare con me
È qualcosa che ha a che fare con me

Sarà la pioggia d’estate
O Dio che ci guarda dall’alto
Sarà che non esci da mesi sei stanco
Hai finito e respiri soltanto

Per pesare il cuore con entrambe le mani mi ci vuole un miraggio
Quel conforto che

Ha a che fare con te
Quel conforto che ha a che fare con te
Per pesare il cuore con entrambe le mani ci vuole coraggio
E tanto tanto troppo troppo troppo amore

Dic 16, 2016 - musica    No Comments

CONCERTO D’INVERNO – TEATRO SCIENTIFICO BIBIENA – MANTOVA

Il teatro sobrio ed elegante accoglie “Piccola orchestra Nuvolari “

Conservatorio di Musica “Lucio Campiani” dirige il Maestro Mario Milani.

Undici fisarmoniche , un piano, un violoncello, un basso e percussioni.

Quindici strumenti, un’anima sola, unica, potente e vibrante.

Le note musicali, il tappeto volante per eccezione.

Chiudi gli occhi e sei in Argentina e ti lasci trasportare dal tango incalzante, ritmato e passionale, tra

foulard rossi e scarpe lucide, riapri gli occhi e sei in Spagna, terra bruciata ma viva ,

forte, nacchere e

flamenco.

Giallo ed arancione lasciano il tuo sguardo che ora si posa sulle verdi vallate d’Irlanda , colline sospese tra

cielo e mare, tra nuvole e pioggia.

Ballate nostalgiche di un mondo lontano, antico , profondo.

Nenia dolce e serena, culla di me e dei miei

pensieri portati via dal violoncello, le cui note basse vanno a caccia nel profondo, scavano il superfluo e

trovano me : io stessa.

Pagine:123456»