Feb 15, 2012 - libero scrivere    No Comments

Senza titolo

Se le parole non sono in grado di esprimere

i pensieri del cuore, lascia che siano gli occhi i veri

ed unici tramiti tra te ed il mondo.

 

Feb 15, 2012 - libero scrivere    No Comments

RABBIA

 

temporale.jpgLa rabbia non è altro che un temporale estivo,

passeggero, impetuoso ed allarmante.

Dietro se lascia un lungo ed interminabile

Arcobaleno.

Feb 15, 2012 - libero scrivere    No Comments

STRADA

strada, lontananza

Le note scandiscono i chilometri che mi

Separano da te, il ritmo coincide con i battiti

Del mio cuore che, sordo, è incapace di

Ascoltare la voce tremante della strada,

unica ed interminabile che mi sta allontanando

da te. Ora la odio, ma presto l’amerò perché

sarà la stessa a ricondurmi da te.

Feb 15, 2012 - libero scrivere    No Comments

ESTASI

 

estasi, dolcezza. libertà 

Per un attimo, solo per un attimo mi abbandonai a quel piacere intenso, misto di sensualità e desiderio, avvolto dall’atmosfera tenue ma calda che emanava la tappezzeria del soggiorno. I nostri gesti, spontanei, guidati  da una conoscenza matura, sfioravano angoli sensibili  e riaccendevano con fervore, antiche vibrazioni. Il desiderio era prorompente, ma l’attesa era ancora più piacevole, la calma dei movimenti mirava ad un lento crescendo di sensazioni sempre più forti, sempre più esigenti. L’avidità l’uno dell’altro emergeva, prendeva sempre più piede fino a sgorgare in un mare di libertà: l’estasi.

Feb 12, 2012 - sfoghi    No Comments

VITA

Chiudere gli occhi e pensare, sì, che piacere immenso, lasciare che le immagini appaiano così spontanee, senza interruzioni, senza regole…

Come vorrei poter vivere così, libera da regole e da impostazioni, così fluttuante come i pensieri, i sogni, le fantasie…Volerei come un folletto, mi poserei ovunque, racconterei fiabe ai bambini, rassicurerei gli adulti e farei compagnia agli anziani, giocherei con le nuvole, gli animali, i fiori… E poi? Eh già, poi…

Io sono un essere umano, ho bisogno di regole, di avere  impegni e scopi, di fare e disfare, costruire e distruggere, ridere e piangere,, gioire e soffrire.

Qual è il benamato “ saper vivere “ ?Penso che ognuno di noi ha il proprio, che meglio si addice al suo carattere. Beati quelli che la raggiungono e sono in pace con se e la propria coscienza. Certo, non è facile, la vita ti riserva delle sorprese, ti costringe a fare cose che mai avresti pensato di fare. Ti allontana dai tuoi scopi così facilmente, ti nasconde la strada che segui con fatica, ti illumina saggiamente e ti getta nel buio assoluto. Non dobbiamo disperare, se dopo aver progettato a lungo, un particolare irrilevante manda a monte tutto, se dopo aver tanto desiderato una cosa, scompare sotto il nostro naso. No, no, è così che gira la ruota della vita. Non pensiamo mai a quanto abbiamo guadagnato ma, quanto abbiamo vissuto e come abbiamo passato i nostri giorni, le nostre ore, i nostri minuti che passano inosservati come impiegati e ci presentano il conto come direttori. Sono belle parole che vanno bene solo per essere ascoltate e non capite e seguite perché nessuno si ferma nemmeno un istante, smette di correre ed urlare e si siede tranquillo a guardare un tramonto.