Set 13, 2014 - racconti    No Comments

DANIMARCA – “La dama silenziosa del Nord “

Karen Blixen scrisse in

“Racconti d’Inverno”:

IL GIOVANOTTO CON IL GAROFANO

“…..ecco che il mercante le portò un antichissimo vaso blu.

Non appena ella lo vide gettò un grido terribile: ” Eccolo!

L’ho trovato finalmente! Questo é il blu vero. Oh, quanta allegria mette nel cuore! Oh, é frizzante come una brezza, profondo comme un profondo segreto, pieno come non dico che cosa ” Rimase a contemplarlo per sei ore e poi disse al medico e alla sua dama di compagnia: ” Ora posso morire. E, quando sarò morta, dovrete togliermi il cuore dal petto e metterlo nel vaso blu. Perché allora tutto sarò come allora. Intorno a me tutto sarà blu e al centro del mondo blu il mio cuore sarà innocente e libero, e batterà sommesso, come una scia che canta piano, come le gocce che cadono dal ramo”. Poi domandò: ” Non é dolce pensareche se soltanto si ha un pò di pazienza tutto quelo che é stato ci verrà restituito?” E subito dopo la vecchia signora morì. “

IMG10180

IL CAMPO DEL DOLORE

” Il basso e ondulato paesaggio danese era silenzioso e sereno, misteriosamente desto nell’ora che precede il levar del sole. Non c’era una nube nel cielo pallido, non un’ombra nel perlaceo crepuscolo che avvolgeva i prati, le colline e i boschi. La bruma si stava alzando dalle valli e dalle gole, l’aria fresca, l’erba e le foglie stillanti di rugiada. Non guardata dagli occhi dell’uomo, e non disturbata dalla sua attività, la campagna respirava una vita senza tempo, per la quale le parole erano inadeguate.”

“….I tigli erano in fiore. Ma in quel primo accenno di luce soltanto una tenue fragranza fluttuava nel giardino, un aereo messaggio, un’eco profumata dei sogni trascorsi nella breve notte estiva.”

IMG10337

IL BAMBINO CHE SOGNAVA

“…Erano giunti sul limitare del bosco. Dal cancello potevano spaziare con lo sguardo sull’ampia distesa del panorama. Dopo la verde oscurità della foresta, il mondo di fuori appariva incredibilmente scolorito, come se la luce abbaggliante del mezzogiorno lo avesse calcinato. Ma dopo un poco i colori dei campi, dei prati e dei radi boschetti si precisarono all’occhio, uno per uno. C’era un tenue azzurro nel cielo, e tenui cumoli bianchi di nuvole si innalzavano lungo l’orizzonte. La segale ancora verde stava per spigare, dove le dita della brezza la sfioravano, correva in lunghe, lente ondate sul terreno. I casolari dal tetto di paglia emergevano sullal terra fluttuante come isole quadrate, bianche di calce; tutt’intorno le siepi di Lillà protendevano il loro chiaro fogliame e, in cima, grappoli di pallidi fiori. Udirono in lontananza il rumore di una carrozza e sulle loro teste il cinguettio incessante di innumeroveli allodole.”

IMG10329

Clanned & Bono

” In a lifetime”

https://www.youtube.com/watch?v=b_klil_eOEY

DANIMARCA – “La dama silenziosa del Nord “ultima modifica: 2014-09-13T19:01:08+00:00da cigno39
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*